Panerai Equation of Time

Panerai Presenta Due Nuovi Equation of Time 8 Days Acciaio Replica nel Regno Unito

Officine Panerai ha presentato al SIHH 2015 il Radiomir 1940 Equation of Time 8 Days Acciaio – 48 mm e il Luminor 1950 Equation of Time 8 Days acciaio – 47 mm, due nuovi segnatempo mossi dal Calibro di manifattura P.2002/E in grado di fornire l’equazione del tempo, affascinante complicazione astronomica che segna il tempo reale.

Panerai Equation of TimeSave

Che cos’è l’equazione del tempo?

«In quello stesso periodo venivano aperte in Italia numerose scuole di arti e mestieri che si ponevano il compito non facile di riformare le tradizioni artigianali che a partire dal 15 secolo hanno fatto dell’Italia un centro delle arti con numerose officine che producevano veri oggetti di patrimonio artistico. Quindi, la prima “Scuola di arte applicata” fu aperta a Firenze nel 1867 …».Pochi anni prima, nel 1860, il commerciante, artigiano e inventore Giovanni Panerai apre il primo negozio e officina di orologi della città. Dapprima era situato sul Ponte alle Grazie. Poi l’Orologeria Svizzera, come veniva allora chiamata, si trasferì nel Palazzo Arcivescovile in Piazza San Giovanni, dove si trova tutt’ora.All’inizio del XX secolo, esattamente nel 1916, Guido Panerai deposita il primo brevetto che fu alla base di una lunga storia di innovazione per il marchio Panerai. Aspirando a soddisfare le esigenze dei commandos della Regia marina militare italiana, ai quali l’azienda aveva fornito per alcuni anni gli strumenti di alta precisione, la Panerai elabora il Radiomir: una polvere luminescente a base di radio, la quale veniva applicata sui quadranti degli orologi e sugli apparecchi per facilitare la lettura dei dati.Alla vigilia della Seconda Guerra mondiale gli strumenti elaborati da Panerai per la Regia marina militare italiana acquistano un valore strategico ancora più importante. Fu creato il prototipo dell’orologio Radiomir per l’operazione dei commandos del Primo gruppo subacquei della marina militare italiana. Molte delle sue peculiarità sono utilizzate tutt’oggi nella versione moderna dell’orologio Radiomir: il meccanismo con carica manuale, una grande cassa di acciacio “a cuscino” dal diametro di 47 mm, marchi orari e numeri luminosi, attacchi saldati alla cassa per un largo cinturino a prova d’acqua, abbastanza lungo da poter essere allacciato sopra la muta da sommozzatore. Nel 1938 il prototipo dell’orologio Radiomir fu messo in produzione.

Solitamente gli orologi sono in grado di segnare solo il tempo convenzionale in cui tutte le giornate hanno una durata di 24 ore. In realtà, causa l’orbita ellittica della Terra intorno al Sole un giorno misura 24 ore solo 4 volte l’anno mentre in tutti i rimanenti c’è una differenza tra tempo convenzionale e tempo reale che varia ± 15 minuti a seconda del periodo dell’anno.

L’equazione del tempo, una tra le più affascinati complicazioni di orologeria meccanica, si prende carico di misurare grazie a una camma particolare tale differenza che varia di continuo.

Radiomir 1940 Equation of Time PAM00516 – Luminor 1950 Equation of Time PAM601.
La cassa Radiomir 1940 e la cassa Luminor 1950 che custodiscono l’equazione del tempo rappresentano l’evoluzione storica degli orologi Panerai.
Il Luminor che è un’evoluzione della prima si distingue per il dispositivo a ponte con leva di serraggio che protegge l’integrità dell’alberino della corona di carica. Entrambe sono realizzate in acciaio inossidabile AISI 316L con finitura lucida.

In tutti e due i modelli il quadrante nero è realizzato nella classica struttura a sandwich ideata da Officine Panerai negli anni ’30. Si tratta di due dischi che tra loro sovrapposti trattengono tra loro la sostanza luminescente la quale emerge dai numeri arabi e dagli indici intagliati nel disco superiore.

Tra il centro e le ore 6 si distingue l’indicazione lineare dell’equazione del tempo, inoltre sono anche forniti a ore 9 i piccoli secondi e alle 3 la data di fianco a un quadrantino che indica il mese.

Un vetro in zaffiro sul fondello permette di cogliere alcuni dettagli e le finiture dell’inedito movimento di manifattura P.2002/E. Si tratta di un’evoluzione del calibro P.2002, il primo realizzato in-house da Officine Panerai nel 2005: un movimento a carica manuale, di 13 3⁄4 linee di diametro, con tre bariletti che garantiscono l’autonomia di marcia di otto giorni che fin dagli anni Quaranta fa parte della tradizione della marca. La riserva di carica è indicata direttamente sul movimento e visibile lato fondello.

Il Radiomir 1940 Equation of Time 8 Days (PAM00516) e il Luminor 1950 Equation of Time 8 Days (PAM00601) sono due referenze appartenenti alla linea Special Edition e saranno realizzati rispettivamente in 200 e 100 esemplari. Impermeabili fino a 10 bar (circa 100 metri), sono corredati da un cinturino in alligatore e il modello con cassa Luminor 1950 è fornito con un cacciavite e lo strumento per la sostituzione del cinturino.

Altre novità Panerai sul sito web ufficiale.